SAKOTA: “NEL CAMPIONATO ITALIANO NON BISOGNA STUPIRSI SE L’ULTIMA BATTE LA PRIMA. BRESCIA HA COMUNQUE TUTTO PER PUNTARE ALLO SCUDETTO”

Il coach dell’Happy Casa Brindisi si gusta l’importante vittoria sulla Germani e svela: “Quando gioco a Natale o appena dopo non perdo mai inoltre essendo il Natale ortodosso per me questa vittoria è un grande regalo”

Brindisi. Dragan Sakota è stravolto a fine partita. Voce rauca, occhi infossati, ma tanta soddisfazione per aver battuto la Germani ottenendo due punti con cui l’Happy Casa Brindisi può ancora credere nella salvezza.

“Complimenti ai miei ragazzi – esordisce il tecnico dei pugliesi – per la vittoria e per la grande gara. Complimenti e grazie infinite anche ai tifosi. In questo momento importantissimo della stagione abbiamo giocato una grande partita con il cuore, eseguendo ciò che abbiamo preparato in settimana. Siamo risuciti a spuntarla contro una delle migliori squadre per attacco e difesa, tenendola a 79 punti e realizzando 87 punti che di solito non concede. Tanti miei giocatori sono riusciti a giocare meglio del solito, abbiamo ritrovato diversi protagonisti: Sneed su tutti, ma anche Bartley, che seppure appena arrivato ci ha aiutati a vincere. Spero che questa vittoria ci aiuterà anche in futuro e ci darà più fiducia e maggiore convinzione nei nostri mezzi. Diciamo che nella mia carriera non ho mai perso a Natale o appena dopo e anche stavolta è andata bene. Oggi abbiamo vinto e siccome è il Natale ortodosso, per me questo è stato un regalo”.

Ci fa una valutazione più approfondita dell’esordio di Bartley?  

“All’inizio non era molto dentro la partita, ha fatto un pò fatica a trovare il ritmo ma poi ha preso confidenza. Gli ho detto di non sentirsi sotto pressione. Ha fatto tre allenamenti con la squadra però ha dimostrato di sapersi prendere le responsabilità”.

Quando la prima in classifica perde con l’ultima ci si chiede sempre se sono più i meriti di chi ha vinto o i demeriti di chi ha perso…

“Dico spesso che questo campionato è competitivo e non c’è questa grande differenza tra le squadre. Non dobbiamo stupirci se escono questi risultati, è normale. Noi siamo in una situazione in cui non possiamo scegliere le gare da vincere. Dobbiamo provarci sempre come se fosse l’ultima gara. Brescia sta comunque facendo una grande stagione e senza coppe riesce a preparare al meglio tutte le partite. Secondo me la Germani può essere competitiva fino in fondo per lo scudetto. Sono molto impressionato dalle sue prestazioni, già dall’anno scorso. Non  bisogna guardare solo alla partita di oggi. E’ una squadra forte e complimenti a coach Magro e a tutto il team per il lavoro che stanno facendo”.