VIVARINI: “SONO CERTO CHE SARA’ UNA BELLISSIMA PARTITA. TATTICAMENTE COMPLICATA, MA VOGLIAMO AVERE IL DOMINIO DEL GIOCO”

L’allenatore del Catanzaro archivia la sconfitta di Ascoli e descrive il Brescia: “Abbiamo perso una partita sporca, giocata male, domani sarà diverso. Donnarumma non sta ancora bene, meglio Biasci e vedo segnali di risveglio da Brignola e D’Andrea. Maran gioca 4-4-2 in fase difensiva per poi sviluppare un 3-4-3”

Catanzaro. Vincenzo Vivarini, tecnico del Catanzaro, chiede alla sua squadra di dimenticare in fretta la sconfitta di Ascoli, maturata in una brutta partita, per riprendere il cammino verso le posizioni più nobili della classifica. 

Domani, in un’atmosfera di festa visto il gemellaggio tra le due tifoserie, si giocherà una partita da vincere per il Catanzaro…

“Sì, domani sarà sicuramente una bellissima partita, perché troviamo una squadra che dopo l’arrivo di Rolando Maran ha trovato la quadra, sia in difesa che in attacco. Di conseguenza, ne verrà fuori sicuramente una bella partita. Da parte nostra siamo pronti: abbiamo fatto una bella settimana di lavoro, preparando al meglio la prossima partita. Loro sono molto bravi a difendersi, concedono poco spazio per giocare e fanno un buon lavoro di blocco squadra; sono tutti ben motivati, dunque da parte nostra dovremo esser bravi a prendere campo, cercando di fare le nostre cose nel miglior modo possibile. Sono temibili anche nel possesso palla, hanno in rosa giocatori che hanno fatto la serie A, di struttura, tecnica e personalità. Ci sono tutti i presupposti per vedere una vera partita di serie B, che ad Ascoli non c’è stata: è stata una partita sporca, noi non abbiamo fatto un tiro in porta, ma nemmeno il nostro portiere ha fatto una parata. Dobbiamo archiviare Ascoli nel minor tempo possibile, rimanendo ottimisti e preparandoci per queste due ultime partite“.

Come ha preso la squadra la sconfitta di Ascoli?

“Quando perdiamo non possiamo essere contenti. Loro hanno messo in campo altri valori, altre situazioni che si sono unite alla loro esperienza, furbizia e cattiveria. Non è stata una partita di calcio, ma l’abbiamo superata e ci prepariamo ad affrontare la gara contro il Brescia“.

Ci saranno novità di formazione? Come sta Donnarumma?

“Per quanto riguarda Alfredo dobbiamo valutare ancora oggi pomeriggio la situazione. Non sta però ancora bene. É un momento importante del campionato, che stiamo affrontando senza i nostri attaccanti principi: ho visto Ambrosino molto carico, così come Biasci. In questo periodo però ho anche particolarmente apprezzato il risveglio di Brignola e D’Andrea. Mi aspetto molto da loro“.

Il Catanzaro non batte il Brescia in casa da una cinquantina d’anni, lo sapeva? Come imposterà secondo lei la gara Rolando Maran?

“Loro faranno la loro partita. È una squadra ben consolidata. Hanno trovato i loro equilibri e le loro spaziature. Sappiamo benissimo ciò che faranno. Noi siamo abituati a sfatare i tabù, dunque cercheremo di fare il meglio per poter portare a casa il risultato“.

Una partita del genere potrà esser decisa più dagli aspetti individuali o tattici?

“Giocatori come Cistana e Bisoli hanno vinto la serie B, sono ottimi per la categoria. Dovremo dunque far valere le nostre armi. Sotto l’aspetto tattico è una gara molto interessante da analizzare: loro sono una squadra che si difende con il 4-4-2, ma poi in fase di possesso palla lavora con il 3-4-3. Riescono a variare le posizioni in campo, dunque sarà una sfida particolarmente interessante da analizzare. Però speriamo di prendere il sopravvento dal punto di vista del gioco, come di solito facciamo, e di essere padroni della partita“.

Domani lo stadio sarà quasi tutto esaurito. Un suo pensiero su questo?

“Ad inizio anno uno dei nostri obiettivi era dare entusiasmo ai nostri tifosi, cercando di avere lo stadio sempre pieno. Volevamo andare dignità ad una città che lo merita in tutto e per tutto. La squadra vuole dare gioie ai veri tifosi del Catanzaro. Noi dobbiamo fare il bene di questa curva, i nostri sacrifici sono rivolti a quello“.

I tifosi del Catanzaro hanno già staccato 900 biglietti per la trasferta di Reggio Emilia, nonostante sia un giorno di festività…

“Io credo sia una mancanza di rispetto perché anche noi vorremmo santificare le feste. È una ricorrenza importante per la Chiesa, ma anche per noi e le nostre famiglie. Siamo invece costretti a preparare la partita e poi viaggiare il giorno di Natale. Penso sia una cosa non giusta, ma pare che nessuno parli. Dunque accettiamo anche questo“.

Ci saranno due gare in pochi giorni. Ha previsto qualche rotazione tra i suoi giocatori?

“Vediamo partita per partita. Sicuramente qualche cambiamento lo faremo già domani. Valuteremo il dispendio di energia. Il riscontro di chi sta fuori mi sta piacendo molto, quelli che stanno giocando poco vogliono mettersi in evidenza; ogni scelta che farò sarò quindi tranquillo“.